edizioni LOTTA COMUNISTA

 

 
Testi Texts

Stampa
Print
Terrorismo reazionario, europeismo imperialista, internazionalismo comunista

Reactionary Terrorism, Imperialist Europeanism, Communist Internationalism

La crisi in Medio Oriente ha messo all’opera gli spacciatori di paura. La paura costruita dal «terrorismo reazionario», strumento impazzito delle borghesie mediorientali, che non si fa scrupolo di trucidare lavoratori inermi e di rimestare fanatismo e odio razziale. E le paure agitate di rimando in Europa e in Occidente. Muta all’improvviso il senso comune distillato da giornali e televisioni, è il momento dei tribuni e demagoghi, degli intellettuali voltagabbana, del giornalista furbo in cerca di occasioni editoriali, e anche del prete.
Eppure tutto ciò non è inevitabile, c’è un’alternativa alla guerra, al terrore, ai fanatismi, alle ideologie con cui si vogliono soggiogare le coscienze. Il proletariato, nei numeri, ha una forza colossale. In Nord Africa e in Medio Oriente avrebbe la forza per scrollarsi di dosso borghesie corrotte e fallimentari. E quale potenza sarebbe, unito ai salariati dell’Europa, dell’India, della Cina, al proletariato di tutto il mondo. Il proletariato potenza mondiale, contro le potenze del capitale e dell’imperialismo: è l’unica risposta a un mondo di paura.


The Middle-East crisis has put the fear-peddlers to work – the fears constructed by «reactionary terrorism», i.e. the deranged means of the Middle-East bourgeoisies which makes no scruples of slaughtering helpless workers and stirring fanaticism and racial hatred, as well as the fears echoing back in Europe and in the Western countries. The conventional wisdom distilled by newspapers and televisions suddenly changes – it’s now the turn of tribunes and demagogues, of turncoat intellectuals, of the shrewd journalist looking for publishing opportunities, and of the priest too.
But all this is not inevitable. There exists an alternative to war, terror, fanaticism, and to the ideologies designed to subjugate consciousness. The proletariat possesses colossal numerical strength. In North Africa and in the Middle-East it could be powerful enough to shake off corrupt and ruinous bourgeoisies. And what a power could it be when united with the wage-workers of Europe, India, China, and with the proletarians of all the world. The proletariat as a world power against the powers of capital and imperialism – this is the only answer to a world of fear.

 
Vedi il sommario    Contents
 

2015; 250 pagine; brossura; indice dei nomi


2015, paperback, 250 pp., index of names

ISBN 978-88-96901-19-9
€ 10,00

 
Torna
Back
 

© 2008-2019 Editoriale Lotta Comunista snc
Via per Crescenzago n. 188 - 20099 Sesto San Giovanni - Milano
C.F.-P. IVA-Registro Imprese MI: 03609260157
REA 976127


Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione atto a monitorare o raccogliere informazioni personali di identificazione. Sono utilizzati esclusivamente cookie di terze parti (Google Analytics), raccolti e gestiti garantendo l'anonimato dell'utente, impiegati esclusivamente in forma aggregata a fini statistici sull'utilizzo del sito. L'utente può in ogni caso disabilitare l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser l'apposita componente fornita da Google (http://tools.google.com/dlpage/gaoptout).