edizioni LOTTA COMUNISTA

 

 
Testi Texts

Stampa
Print
La Barbera Guido
Lotta Comunista
Verso il partito strategia. 1953-1965
Lotta Comunista Towards the Party-Strategy

Prosegue con questo secondo testo la storia di Lotta Comunista. A metà anni Cinquanta la crisi dello stalinismo porta i GAAP, i Gruppi Anarchici di Azione Proletaria, a interloquire con Azione Comunista - una formazione di impronta massimalista che inizialmente opera come gruppo di pressione interno al PCI - fino alla confluenza nel Movimento della Sinistra Comunista.
Nel giro di pochi anni l’essenziale della parabola di Azione Comunista è compiuto. La corrente più legata alla tradizione libertaria alla fine proporrà di traghettare il movimento nel PSI di Nenni. Una scheggia massimalista milanese rimarrà ancora nella Sinistra Comunista, e verrà afferrata poco dopo dal mito maoista. Il grosso rifluirà nel PCI o nella passività. Una piccola pattuglia, con Arrigo Cervetto e Lorenzo Parodi, salvaguarderà l’autonomia politica e darà vita nel 1965 a Lotta Comunista.
Da una parte una sconfitta, un gruppo dimezzato rispetto a quanto raccoglievano i GAAP nel 1952. Dall’altra una vittoria nell’elaborazione strategica e nella teoria del partito, che permetterà di collegarsi di lì a poco al ciclo di lotte operaie tradeunionistiche e alle agitazioni studentesche di fine anni Sessanta.


This second volume continues the narration of the history of Lotta Comunista. In the mid-1950s the GAAP-Gruppi Anarchici di Azione Proletaria (Anarchic groups of proletarian action) were led by the crisis in Stalinism to make contact with Azione Comunista (Communist action), a maximalist faction which was initially a pressure group within the PCI (the Italian Communist Party), and to join their forces in the Movimento della Sinistra Comunista (Movement of the Communist Left).
In a few years the essential course of Azione Comunista was finished. Among its tendencies, the one which was more linked with the libertarian tradition would eventually suggest that the movement should be ferried into Nenni’s PSI (the Italian Socialist Party). A Milanese maximalist faction would remain in the Communist Left and later yield to the myth of Maoism. Its main body would relapse into the PCI or into a politically passive life. A small group around Arrigo Cervetto and Lorenzo Parodi would safeguard political autonomy and give rise to Lotta Comunista in 1965.
It was a defeat on one side – a halved group in comparison with the GAAP in 1952 – but on the other it was a victory as to the formulation of strategy and the theory of the party, which would soon lead to connect with the cycle of trade-unionist workers struggles and students troubles at the end of the 1960s.

 
Vedi il sommario    Contents
 

2015;  332 pagine; rilegato; note bibliografiche, indice dei nomi, profili biografici


2015, hardback, 332 pp., bibliography, biographies, index of names

ISBN 978-88-96901-18-2
€ 10,00

 
Torna
Back
 

© 2008-2019 Editoriale Lotta Comunista snc
Via per Crescenzago n. 188 - 20099 Sesto San Giovanni - Milano
C.F.-P. IVA-Registro Imprese MI: 03609260157
REA 976127


Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione atto a monitorare o raccogliere informazioni personali di identificazione. Sono utilizzati esclusivamente cookie di terze parti (Google Analytics), raccolti e gestiti garantendo l'anonimato dell'utente, impiegati esclusivamente in forma aggregata a fini statistici sull'utilizzo del sito. L'utente può in ogni caso disabilitare l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser l'apposita componente fornita da Google (http://tools.google.com/dlpage/gaoptout).